top of page

Operatori Sanitari nel Mondo: Una Riflessione Profonda sulla Nostra Umanità


Claudio Scatola Operatori Sanitari Nel Mondo

Operatori Sanitari Nel Mondo


L'essere umano, se così possiamo definirlo, è davvero un essere umano? La coscienza ha davvero un peso nelle cose? Un vecchio poeta peruviano un tempo disse in un suo racconto, una frase che poi fu riportata da Padre Alex Zanotelli: "quando sono nata, forse Dio era malato." Forse è davvero così; la fede, la forte credenza in qualcosa vacilla inevitabilmente di fronte alla morte ingiusta di chi non ha le forze e le capacità per potersi difendere.


La Forza della Minoranza Armata


Perché la grande minoranza del mondo riesce a spaventare la maggioranza? Perché ha le armi, armi che creano miseria, morte, ingiustizia nel nome delle risorse, nel nome di una pace, nel nome di quel riconoscimento inequivocabile di un nemico, di una persona diversa da noi. Perché se hai un nemico, allora devi difenderti, devi agire in qualche modo. Ma il nemico esiste davvero? Esiste questo grande nemico, oppure altro non è che la più grande invenzione dell'uomo?


I Paradossi della Guerra


Sapete quante guerre ci sono nel mondo? Quante persone ogni giorno muoiono nel silenzio dei dimenticati? Muoiono in attesa di quei 9 euro di adozione al mese, che spesso non fanno nulla se non alimentare un sistema corrotto. Secondo le stime attuali, ci sono oltre 50 conflitti armati in corso in tutto il mondo, che coinvolgono milioni di persone e hanno causato innumerevoli vittime​ (Global Data and Statistics | Data Pandas)​​. Le spese militari globali hanno superato i 1,9 trilioni di dollari nel 2023, con l'esercito statunitense in testa con un budget di oltre 800 miliardi di dollari​ (Uppsala Universitet)​​ (ACLED Data)​. Ogni soldato americano costa in media 50.000 dollari all'anno. Le vittime totali delle guerre nel mondo si stimano in oltre 120 milioni di persone dal 1945 ad oggi. In particolare, i bambini soffrono enormemente: circa 200 milioni di bambini nel mondo soffrono di malnutrizione, di cui 50 milioni in forme gravi.


Quante volte ci siamo soffermati a pensare: noi siamo nati nella parte fortunata del mondo grazie a una schizzata di sperma nel posto giusto. Alcune volte mi domando se fossi nato io laggiù, dove oggi si chiede aiuto, dove oggi tra un pacco di medicinali e uno di fucili si vive costantemente.


Ho deciso di sostenere Operatori Sanitari nel Mondo, non perché siano una grande ONG, ma perché ho toccato con mano quel senso di rabbia che tutt'oggi mi porto dentro. Agire nell'emergenza di chi muore di malnutrizione è un dovere, un dovere che noi tutti esseri umani dovremmo prenderci carico, perché è giusto, perché è sano non dimenticare chi oggi vive lì.





La Crisi della Malnutrizione


🛑⚠️ ALLARME MALNUTRIZIONE


Da gennaio a giugno, Operatori Sanitari nel Mondo ha curato circa 4.830 bambini malnutriti, molti dei quali sono stati ricoverati presso il loro centro ospedaliero in Congo, nella zona del Kivu. "Purtroppo stiamo assistendo a un picco di malnutrizione infantile senza precedenti. Dal 2023 la crisi nutrizionale è veramente preoccupante", dice Claudio Scatola, presidente di Operatori Sanitari nel Mondo. "Stiamo cercando di rispondere a questa emergenza con cibo terapeutico pronto all'uso, con lo scopo di fornire un'adeguata alimentazione ai nostri piccoli pazienti con una forma di malnutrizione moderata, per evitare che le loro condizioni peggiorino".




Un Mondo di Contraddizioni


Perché il mondo è così? Nella RDC oramai sono sessant'anni di guerra, nel silenzio di tutto il mondo perché a tutti piacciono i gioielli preziosi, a tutti piace ricevere l'anello con un bel diamante al dito mentre il tuo futuro lui ti chiede di sposarlo. Siamo così, noi esseri umani siamo così ma dobbiamo in qualche modo fare la differenza. Perciò sostengo Operatori Sanitari nel Mondo: non vivono di pubblicità, non vivono di spot televisivi, sono persone comuni che hanno una missione. In verità possiamo definirli dei veri missionari; lì, ai confini di un mondo lontano, sono in prima linea, spesso rischiando la vita per dare quello che noi tutti oggi abbiamo naturalmente, ovvero il cibo.


Conflitti mondiali tabella



Comments


bottom of page